Mostaccioli


Articoli / martedì, Aprile 3rd, 2012

Si avvicina la Pasqua e puntualmente trovo Nonna Pina (alias la mia mammina) ad armeggiare in cucina tra mandorle, cacao, farina e tanto altro.
I mostaccioli sono parte integrante della tradizione pasquale abruzzese e se non sono a tavola, non è Pasqua.


Per l’impasto:
750gr di farina 00
250gr di zucchero
250gr di miele
15gr di ammoniaca
50gr di cacao amaro
4 uova intere
250gr di mandorle tostate e tritate
1/2 bucchiere d’olio d’oliva
1 buccia grattugiata di limone
un cucchiaino di cannella in polvere

Per la glassa:
250 gr di acqua
500gr zucchero
100gr di cacao

Disporre la farina a fontana sulla spianatoia, ponetevi all’interno tutti gli ingredienti tenendo presente che se il miele non è del tipo liquido dovrà essere sciolto sul fuoco o al microonde. Impastate il tutto energicamente e dopo aver ottenuto un impasto omogeneo stendere con il mattarello sino ad avere una sfoglia alta circa 1 cm. Tagliare a rombi. Mettete i mostaccioli su una placca rivestita di carta da forno e cuocere a a 180° per circa 10-15 minuti.

Nel frattempo preparate una glassa allo zucchero (o più propriamente ‘ngileppo) mettendo in un pentolino l’acqua e lo zucchero e portare a bollore. Quando la soluzione inizia ad addensarsi aggiungere il cacao e continuare la cottura fino a velatura del mestolo che avrete immerso nella glassa.
Con l’utilizzo di un pennello da cucina spennellate i mostaccioli con la glassa e lasciate raffreddare.

Nella tradizione lo stesso impasto viene utilizzato per confezionare le “Pupe” e i “Cavalli”.
Il procedimento è lo stesso ma, per ritagliare la pasta, vengono ultizzate delle sagome che riproducono una pupa e un cavallo. Questi dolci era usanza prepararli per lo scambio di doni in occasione di Pasqua tra le famiglie di neo fidanzati: il cavallo alla famiglia della fidanzata e la pupa per quella del fidanzato.

Please follow and like us: